Carpentiere e affittacamere

Per lo scavo del nido vengono preferiti tronchi marcescenti o legno morbido. I due sessi si alternano nello scavo, facendo anche lunghe pause. Le schegge di legno vengono man mano buttate all’esterno della cavità, tant’è che sotto un nido appena scavato il terreno appare chiaro, perché ricoperto di schegge fresche. Dopo un periodo da una a tre settimane, la cavità è pronta e può avere luogo la deposizione. La coppia difende il territorio da conspecifici e si alterna nell’allevamento dei nidiacei. I picchi generalmente scavano più cavità di quante servano, anche se in realtà non costruiscono ogni anno un nuovo nido, ma solo quando il vecchio non è più utilizzabile. Comunque, con la loro intensa attività consentono a una grande quantità di altre specie, legate alle cavità, di colonizzare il bosco.

Altri argomenti:

  • Mangiare insetti è di moda
  • Una passione per i mirtilli
  • Uno stomaco di ferro ...
  • Prego, non disturbare
  • Perché al picchio non viene mal di testa ...
  • Tanto tam-tam solo per accoppiarsi
  • Carpentiere e affittacamere
  • Un valido aiuto contro il dannoso bostrico
  • La storia del picchio “bevitore”
  • La fucina dei picchi
  • In caso di pericolo … stacca la coda
  • Piedi freddi, cuore caldo
  • Piumaggio impregnato
  • Cosa rivela il becco ...
  • Così il germano reale ha acquisito il suo nome tedesco
  • La più piccola anatra europea
  • Echinococcosi: un pericolo da non sottovalutare
  • Un simbolo del sesso già nel mondo antico
  • Meno letargo, più vita di coppia
  • “Grasso come un ghiro”
  • Una prelibatezza per gli antichi romani e non solo
  • La caccia? Da noi non è riservata a pochi...