Porto di fucile per uso caccia

Il porto d’armi per uso caccia viene rilasciato dalla Questura, dopo aver superato l’esame venatorio. Solo coloro che sono esenti da condanne o procedure penali in corso e soddisfano i requisiti psico-fisici minimi possono ottenere il porto di fucile uso caccia.

Il modulo d’istanza per il rilascio/rinnovo del porto d’armi uso caccia può essere scaricato nel reparto download qui.

Se si richiede il porto d’armi uso caccia per la prima volta, è necessario allegare alla domanda le seguenti informazioni:

Attestato di abilitazione venatorio

È rilasciato dall’Ufficio Caccia e pesca dopo aver superato l'esame venatorio. Va allegato in originale o come copia.

Certificato d’idoneità al maneggio di armi lunghe e corte

Questo certificato può essere ottenuto da qualsiasi sezione di tiro a segno nazionale (TSN).
Chiunque abbia prestato servizio in un corpo armato dello Stato (ad es. servizio militare) nei dieci anni antecedenti alla presentazione della richiesta non è tenuto a presentare un certificato.

In Alto Adige Il certificato può essere ottenuto presso i seguenti poligoni di tiro a segno nazionali:

Tiro a segno di Bolzano

www.tsnbolzano.it; e-mail info@tsnbolzano.it; Tel. 0471 280292

Tiro a segno di Merano

www.tsn-merano.it; e-mail tsn_merano@infinito.it; Tel. 0473 237466

Tiro a segno di Appiano

www.sportschuetzen-eppan.it; e-mail schiesstand.stmichael@rolmail.net; Tel. 0471 664588

Tiro a segno di Caldaro

www.sportschuetzen-kaltern.it; e-mail info@sportschuetzen-kaltern.it; Tel. 347 0895055

Tiro a segno di Coldrano

www.schiessstandgoldrain.it; e-mail schiessstand.goldrain@rolmail.net; Tel. 335 7709010

Tiro a segni di San Lorenzo di Sebato 

www.sgsl.org; e-mail info@sgsl.org; Tel. 0474 474 549

(L’elenco non ha pretese di completezza!)

Certificato medico

Il certificato medico ha lo scopo di confermare l'idoneità fisica e mentale del richiedente.
Per fare questo, contattate semplicemente il vostro medico di base o medico di fiducia, che vi rilascerà un cosiddetto certificato anamnestico. Con questo certificato è possibile richiedere a un ufficiale sanitario il certificato medico, cui deve essere apposta una marca da bollo di €16 (vedi sotto). Si allega quindi il presente certificato medico all'istanza di porto di fucile uso caccia.

Attestazione di versamento della tassa di concessione governativa

Ogni titolare di porto di fucili per uso caccia deve pagare annualmente una tassa di concessione allo Stato. Tale importo ammonta attualmente a € 173,16 (agosto 2019). L'importo deve essere versato sul conto corrente postale n. 8003 - "Agenzia delle Entrate - centro operativo di Pescara - Tasse concessioni governative". Il codice della causale di pagamento (Codice Tariffa) è 1518.

Pagamento sul conto corrente postale n. 15073398

Inoltre è necessario eseguire un ulteriore pagamento presso le Poste di € 1,50 sul conto corrente postale n. 15073398 intestato all’Ufficio Economato della Questura di Bolzano.

Tre marche da bolla ciascuna da € 16

In tutto servono dunque tre marche da bollo: una per il certificato medico, una per il foglio inserito nel futuro porto d’armi e una che deve essere applicata all’istanza di emissione del porto d’armi.

Due fototessere attuali

Se si dispone già di un porto d'armi, è necessario richiedere una proroga ogni cinque anni. Il modulo di richiesta per il rinnovo del porto di fucile per uso caccia può essere scaricato nel reparto download qui.
Si raccomanda di presentare la domanda due mesi prima della data di scadenza. Chiunque fornisca al nostro ufficio i dati del suo porto d'armi riceverà da noi una lettera di sollecito con il modulo di richiesta circa due mesi prima della data di scadenza.
Alla domanda di rinnovo del porto d'armi uso caccia deve essere allegato quanto segue:

Certificato medico

Il certificato medico ha lo scopo di confermare l'idoneità fisica e mentale del richiedente.
Per fare questo, contattate semplicemente il vostro medico di base o medico di fiducia, che vi rilascerà un cosiddetto certificato anamnestico. Con questo certificato è possibile richiedere ad un ufficiale sanitario il certificato medico, cui deve essere apposta una marca da bollo di € 16. Si allega quindi il presente certificato medico all'istanza di rinnovo del porto di fucile per uso caccia.

Attestazione di versamento della tassa di concessione governativa

Ogni titolare di porto di fucili per uso caccia deve pagare annualmente una tassa di concessione allo Stato. Tale importo ammonta attualmente a € 173,16 (agosto 2019). L'importo deve essere versato sul conto corrente postale n. 8003 - "Agenzia delle Entrate - centro operativo di Pescara - Tasse concessioni governative". Il codice della causale di pagamento (Codice Tariffa) è 1518.

Pagamento sul conto corrente postale n. 15073398
Inoltre è necessario eseguire un ulteriore pagamento presso le Poste di € 1,50 sul conto corrente postale n. 15073398 intestato all’Ufficio Economato della Questura di Bolzano.
Tre marche da bolla ciascuna da € 16.
In tutto servono dunque tre marche da bollo: una per il certificato medico, una per il foglio inserito nel futuro porto d’armi e una che deve essere applicata all’istanza di emissione del porto d’armi.
Due fototessere attuali
Porto di fucile per uso caccia scaduto
Chi fa la richiesta di rinnovo del porto d’armi prima della scadenza, può conservarlo e consegnare una copia. Dopo la scadenza deve però consegnare l’originale.

Il sistema venatorio in Italia è un cosiddetto sistema autorizzativo. Ciò significa che ogni titolare di porto di fucili per uso caccia deve pagare una tassa di concessione allo Stato. Tale importo ammonta attualmente a € 173,16 (agosto 2019). L'importo deve essere versato sul conto corrente postale n. 8003 - "Agenzia delle Entrate - centro operativo di Pescara - Tasse concessioni governative". Il codice della causale di pagamento (Codice Tariffa) è 1518. In questo contesto, va notato che per i pagamenti a mezzo posta, la commissione per le persone di età superiore a 70 anni non è di € 1,50, ma solo di € 0,70.

La tassa deve essere pagata per ogni anno in cui viene effettivamente utilizzato il porto di fucile per uso caccia, vale a dire quando una persona va a caccia o acquista o trasporta armi e munizioni.

La data di scadenza della tassa è legata alla data di rilascio del porto d'armi. Se il porto d'armi è stato rilasciato il 1° maggio 2017, la tassa è nuovamente esigibile nel 2018 a partire dal 1° maggio. Se il titolare non va a caccia fino al mese di agosto dell'anno venatorio 2018, la quota può essere pagata anche solo in agosto. In questo caso, tuttavia, il canone non sarà valido fino all'agosto dell'anno successivo, ma solo fino al 1° maggio dell'anno successivo. La tassa di concessione può essere pagata anche prima della data di scadenza, a condizione che sia chiaro per quale periodo il pagamento è stato effettuato. È consigliabile conservare le ricevute di versamento degli anni passati per dimostrare, in caso di controllo, che la tassa è stata pagata anche nell'anno precedente.

Attenzione: Chi va a caccia senza aver pagato la tassa di concessione rischia una sanzione amministrativa di 333,33 € e la sospensione del permesso di caccia.